PAES: Piano d’azione per l’energia sostenibile. Il piano, dopo l’approvazione, continua il suo iter

 

Il 22 Gennaio il consiglio comunale di Favara, dopo due sedute, ha approvato il PAES – Piano d’azione per l’energia sostenibile. Il PAES è stato approvato all’unanimità, i voti contrari sono stati soltanto due e da parte dei consiglieri Dalli Cardillo e Giovanni Bennardo.

 

Prosegue dunque l’iter del nostro comune verso una direzione “sostenibile”, grazie all’adesione del comune al Patto dei Sindaci, la città di Favara si era dotata di uno degli strumenti per raggiungere gli obiettivi del pacchetto clima-energia dell’Unione Europea. Infatti, il Patto dei Sindaci è un’iniziativa della Commissione Europea che chiede alle città di affrontare i problemi legati al cambiamento climatico tramite l’attuazione di politiche locali in materia di energia sostenibile.
L’approvazione del Piano d’azione per l’energia sostenibile potrebbe rappresentare un mezzo per finanziamenti in materia di risparmio energetico nonché un requisito fondamentale per l’accesso a bandi regionali e comunitari. Il prossimo passo concerne la comunicazione del Piano d’Azione sia alla Commissione Europea che all’assessorato regionale all’energia.
Il Piano d’Azione per l’energia sostenibile prevede una serie di azioni volte a conseguire l’efficienza energetica e ridurre le emissioni climalteranti, delineate in schede che definiscono modalità di attuazione, costi e risultati, attraverso interventi in sei macro aree: il settore edilizio, il terziario, la produzione locale di energia, l’industria, la mobilità e le strutture pubbliche.
La pianificazione e la sensibilizzazione verso questi interventi rappresenta un passo importante verso il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla Commissione Europea, in merito alla riduzione di Co2 e alla diminuzione del 20% di consumi energetici attraverso l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile.
Questi interventi di efficientamento sul piano energetico, in concreto, verranno attuati dalla E.S.CO del Gruppo Aliamo, partner del Comune di Favara, tramite bando di gara pubblico dal 2013.
E.S.CO è l’acronimo di “Energy service company” nate negli Stati Uniti, negli anni ‘70 in seguito alla crisi energetica che aveva causato brusche oscillazioni dei prezzi. In seguito, alla quale produttori, distributori energetici insieme a sistemi di controllo e regolazione energetica, individuarono nuove modalità per vendere le soluzione tecnologiche sviluppate, attraverso il finanziamento diretto. Con il PAES queste società forniranno una serie di servizi che vanno dalla fornitura e installazione di apparecchiature efficienti sotto il profilo energetico, alla ristrutturazione degli edifici. Lo sviluppo della E.S.CO offre lo spazio per una maggiore efficienza energetica attraverso progetto remunerativi e contribuisce altresì a ridurre la distanza fra fornitore e consumatore.
Da alcuni anni e a seguito del forte impulso fornito dalla Direttiva 2006/32/Ce sull’efficienza degli usi finali dell’energia, queste società si sono diffuse anche in Italia.
Il piano sottolinea l’importanza di aumentare la consapevolezza dei cittadini e di aiutarli a modificare il proprio comportamento. L’azione complementare degli Stati membri dell’UE, delle autorità regionali e locali e del pubblico in generale e di altre parti interessate è fondamentale per raggiungere gli obiettivi previsti dal PAES.

 

Rosalva Contrino

associazione-nicodemo, favara, infolio