Arriva la raccolta differenziata a Favara. A breve l’inizio del nuovo servizio

A quanto pare molto presto non vedremo più gli ormai classici sacchetti dell’immondizia penzolare ogni sera dai balconi di ogni casa favarese. E dire che c’eravamo quasi abituati a quei silenziosi sacchetti impiccati. Era prevista a breve (lo start ufficiale era per il 17 Novembre), infatti, un nuovo servizio di raccolta dei rifiuti cittadino: una raccolta “porta a porta” ma, questa volta, differenziata, effettuata grazie alle pattumiere antirandagismo distribuite alla cittadinanza dal 30 ottobre al 24 novembre presso il deposito della sede comunale sito in Piazza Comm. Angelo Giglia (meglio conosciuta come Piazza Giarritella), della capienza di quaranta litri ciascuna. I rifiuti, che dovranno essere contenuti in buste di plastica di uso domestico ben sigillate, potranno essere depositati, cioè portati fuori dalle abitazioni nella pattumiera data in dotazione dal Comune, tutti i giorni dalle ore 20:00 alle 05:00, ad esclusione dei sabati e dei giorni prefestivi, e  dovranno essere “differenziati” per materiale e per giorno, seguendo questo calendario settimanale: lunedì, mercoledì e sabato spettano all’indifferenziato, il martedì è il turno di plastica, lattine e barattoli, il vetro potrà essere gettato il giovedì, e infine carta e cartone (impacchettati o legati) il venerdì. Come ci informa l’assessore al ramo Agrò, al contrario di quanto si legge nell’avviso sul sito del Comune di Favara, la raccolta differenziata coprirà l’intera città. Organizzazione dei rifiuti, questa, avvenuta non senza poche polemiche sia da parte della cittadinanza che da parte degli esponenti politici. Romeo (Prometeo), Moltalbano (Ncd) e Lentini (Socialisti riformisti) in una conferenza stampa hanno contestato l’organizzazione del servizio di Agrò, destinato al fallimento. Un fallimento già visibile dai continui ritardi dell’inizio del servizio, adesso slittato a lunedì 24 novembre. Ci saranno ulteriori rinvii? Il sindaco Manganella e l’assessore Agrò hanno forse accettato l’invito dell’opposizione a ragionare insieme sul da farsi? Favara comincerà mai la civile raccolta? Di certo la raccolta differenziata dei rifiuti è un’importante fonte di riciclo di materiale: una volta differenziato, quello che è semplicemente uno scarto può essere riportato a nuova vita negli appositi centri. Possiamo, quindi, solo sperare che, nonostante i numerosi dubbi che serpeggiano ancora fra la popolazione, il servizio dia presto i suoi frutti, migliorando la qualità di vita della nostra Favara.

 

Maria Grazia Costanza